L‘aumento del quinto è una prassi che nasce nell’ambito delle aste immobiliari. Esiste, infatti, la probabilità che un offerente non sia presente alla gara pubblica d’asta e possa mostrare il proprio interesse nell’acquisto nei giorni seguenti alla data di effettuazione della gara.  

Aumento del quinto in aste giudiziarie

L’aumento del quinto, chiamato anche rialzo del quinto, è un meccanismo che avviene durante un’asta immobiliare senza incanto. Durante questa gara pubblica, i partecipanti possono rilanciare il prezzo di vendita di un bene in base alle indicazioni scelte in precedenza dal giudice che ha preso in carico la vendita.

Una volta che un partecipante ha effettuato l’offerta più alta e si aggiudica quindi l’immobile venduto, devono passare 10 giorni nei quali qualunque cittadino (eccetto il debitore) possa presentare una nuova offerta che, però deve superare di un quinto il valore più alto raggiunto durante l’asta.

A tal proposito, non si può parlare di aggiudicazione definitiva, ma provvisoria, in quanto la vendita dell’immobile può essere soggetta alla valutazione di altri individui i quali sono liberi di presentare un’offerta di acquisto.

In cosa consiste il rialzo di un quinto

L’aumento del quinto, regolato dall’articolo 584 del codice di procedura civile, deve essere effettuato entro 10 giorni successivi alla data in cui è avvenuta un’asta immobiliare con incanto. Questa offerta deve contenere informazioni precise, come il prezzo, i tempi ed i metodi di pagamento nonché i dettagli utili affinché il giudice possa valutarla appieno.

Chi desidera fare questo tipo di offerta, non solo deve considerare l’aumento del quinto, ma deve provvedere al versamento di una caparra doppia rispetto a quella indicata nell’avviso dal giudice.

A questo punto, viene indetta una nuova gara con tutti i candidati che si sono presentati per l’acquisto dell’immobile. La partecipazione, in questo caso, è del tutto libera ma molto più vincolante, poiché la partecipazione ad una nuova gara implica il pagamento raddoppiato della caparra.

Se alla gara non dovesse presentarsi nessuno, questa verrà annullata e la vendita dell’immobile sarà assegnata automaticamente alla persona che ha ottenuto l’aggiudicazione provvisoria.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *