Nell’analisi economica, finanziaria e patrimoniale di un’attività lo strumento principale che viene utilizzato è quello dell’analisi di bilancio. Con questa formula si intende l’osservazione dei dati che si possono ricavare dai documenti contabili di una qualsiasi attività che generi ricavi o che registri perdite.

L’analisi di bilancio per flussi è una specifica tipologia di analisi di bilancio, detta anche dinamica, in contrapposizione all’analisi di bilancio statica, ossia quella che viene effettuata sugli indici economici e finanziari di un’azienda. Per ciò che concerne l’analisi di bilancio per flussi invece, il monitoraggio che si effettua sull’andamento di un’attività economica si basa invece su dati dinamici, e in particolare sui flussi di denaro in entrata e in uscita dalle casse di riferimento.

Analisi di bilancio cosa è

Nel caso in esame, per flussi si intendono tutte quelle variazioni che il capitale legato all’attività subisce, sia in termini economici che finanziari. Questi flussi, detti in inglese “cash flow”, convogliano tutti i movimenti finanziari che attraversano il bilancio di un’attività economica, restituendo una concatenazione di dati che – se debitamente analizzata – permette di avere molte più informazioni sull’andamento di un’azienda di quanto non faccia la più comune analisi statica.

I processi che definiscono un’analisi di bilancio per flussi e le loro conclusioni vengono materialmente riportate in un documento detto “rendiconto finanziario”.

Nel rendiconto sono registrati i valori e le modalità di spesa e di ricavo di ogni componente delle risorse finanziarie di un’impresa. Attraverso questo documento si possono conoscere gli investimenti, il patrimonio di beni mobili e immobili, le modalità di finanziamento sia dall’esterno che dall’interno, le spese e i costi specifici. Tutti i cambiamenti subiti dalla situazione patrimoniale dell’impresa in un certo lasso di tempo sono registrati e definiti nel rendiconto finanziario.

Analisi di bilancio come funziona

Quasi come nel caso delle analisi mediche, nelle analisi di bilancio si evidenziano tutti i malfunzionamenti dell’apparato aziendale, permettendo così ai revisori di segnalare una possibile “terapia” o di valutare l’andamento complessivo dell’impresa.

Nell’analisi di bilancio dinamica, la rendicontazione dell’ultimo anno di un’attività viene osservata e valutata attentamente. Il “fondo”, ossia la somma complessiva delle risorse finanziarie e patrimoniali dell’impresa, subisce delle variazioni costanti, che con l’analisi per flussi viene scorporata e analizzata nel dettaglio.

Dai movimenti di liquidità in entrata e quelli in uscita, quale che sia la loro causa, vengono comparati e dalla loro risultante viene tratto il ricavo complessivo. L’utile in questione, tuttavia, indica esclusivamente la disponibilità finanziaria, e non la liquidità effettivamente a disposizione dell’impresa in un certo momento. Da ciò si comprende come, nonostante la sua utilità nel monitoraggio della condizione economica e finanziaria di un’azienda in un certo periodo di tempo, il rendiconto finanziario non permette di conoscere con esattezza l’ammontare di capitali dalla pronta liquidità effettivamente a disposizione dell’impresa.

L’utilità di questo strumento torna ad avere un suo impatto nella valutazione della tenuta futura di un certo business, dato che rende possibile lo sviluppo, a condizioni immutate, di una previsione di medio periodo della sua sostenibilità finanziaria.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *