Il Break even point si identifica con il punto di pareggio fra ricavi e costi. In altri termini è il livello di produzione che permette all’azienda di coprire i costi sostenuti. L’analisi del punto di pareggio permette di trovare la quantità esatta (di produzione) dalla quale l’azienda comincia a generare profitto.

Break Even Point Definizione

Il Break even point si traduce in italiano come il punto di pareggio. È un concetto molto importante di economia aziendale, poiché permette di individuare il momento in cui i costi sostenuti a fine produttivo, sono stati completamente “coperti” o “ripagati”.

Il punto di pareggio si può trovare matematicamente in modo piuttosto semplice: una volta rappresentate la curva di costi totali e di ricavi totali tramite delle funzioni (curve o rette), possiamo disegnarle su di un piano cartesiano. Teniamo presente che sull’asse delle ascisse è prassi mettere la quantità, mentre sulle ordinate il livello di costi e ricavi. Le due funzioni ad una certa quantità si incroceranno: quello è il punto di pareggio, il break even point. La curva di ricavi totali partirà dall’origine e andrà verso l’alto all’aumentare della quantità prodotta, mentre la curva di costi totali, che comprende anche i costi fissi (presenti anche senza produrre nemmeno un pezzo), partirà da un valore maggiore rispetto allo zero sull’asse delle ordinate. I costi totali tuttavia possiedono solitamente un’inclinazione maggiore, e tendono quindi ad incrociare la funzione di ricavi totali ad una certa quantità. In quell’incrocio ci sarà il Bep.

Per ogni imprenditore capire e comprendere il punto di pareggio (Break even point) è di fondamentale importanza: per esempio in un ristorante, il proprietario capisce quanti clienti deve servire prima di cominciare a generare un utile; un negozio di vestiti capisce quante maglie deve vendere prima di ricoprire le spese sostenute; una fabbrica produttrice di bulloni, capisce quanti quintali di bulloni deve vendere prima di ripagare tutti i costi e avere un ricavo da destinare a utile o in azienda.

Se osserviamo l’incrociarsi delle due curve su di un piano cartesiano notiamo come sia individuabile un’area all’interno delle due rette al di sopra del punto di pareggio, e una al di sotto. Questi due triangoli che si formano (nel caso di due funzioni rappresentate da due rette) sono rispettivamente l’area di profitto, e l’area di perdita. Più aumentiamo la quantità venduta più l’area di profitto, ovviamente, si allarga.

Break Even Point nelle start up

Per le start up i primi anni di attività sono sempre piuttosto complicati, per via del ridotto capitale di cui spesso dispongono e per molte altre motivazioni: l’analisi della sostenibilità finanziaria è vitale per la sopravvivenza di una start up. L’analisi del break even point è molto importante per comprendere se e quando la start up riuscirà nell’arco di tempo considerato a coprire le proprie spese e a generare un utile. Se per esempio all’interno del piano economico e finanziario l’analisi del break even point desse un livello di produzione più alto di quello pronosticato, l’azienda partirebbe con la consapevolezza di non generare utili per il primo esercizio considerato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *