La conoscenza del valore catastale permette all’acquirente di una casa di poter usufruire di tanti tipi di agevolazioni. Si tratta di un calcolo di non difficile esecuzione.

In questo articolo vedremo nel dettaglio di quali agevolazioni parliamo. E perché, sebbene si tratti di un lavoro squisitamente notarile, è importante anche da parte dell’acquirente la conoscenza del valore catastale.

Valore catastale: perchè è importante

Innanzitutto ci chiediamo, perché è tanto importante saper calcolare il valore catastale di un immobile? E’ importante in primo luogo perchè grazie ad esso è possibile determinare le imposte di un immobile: imposte di successione, imposte di donazione, imposte di registro che possono essere ipotecarie o catastali.

In secondo luogo, ci consente di applicare la valutazione automatica. Si tratta di un azione che elimina dai giochi il monitoraggio operato dall’ufficio di registro, preposto a calcolare il valore dell’immobile. Ma nel momento in cui il reddito del catasto risulta superiore a tale valore, il lavoro di questo ufficio viene fermato.

Come si calcola

In che modo si calcola il valore catastale? Ai fini di tale calcolo è fondamentale conoscere la rendita catastale, ed anche il coefficiente stabilito dalla legge che si andrà a moltiplicare alla rivalutazione del 5% della rendita stessa. Coefficiente che rappresenta una variabile in rapporto diretto alla tipologia del catasto.

E’ importante inoltre sapere che quando si vuole acquistare un immobile non si può praticamente fare a meno del valore catastale di un immobile. Grazie al calcolo del valore catastale infatti, ci evitiamo di pagare delle cifre particolarmente elevate al fisco. In pratica la sua conoscenza ci consente di avere tutta una serie di agevolazioni fiscali.

In linea di massima, quando si procede all’acquisto di una casa, più informazioni riguardo alla condizione fiscale di quest’ ultima si possiedono, meglio è. Ma più di tutto è importante conoscere il valore catastale e i valori ipotecari. Sebbene si tratti di operazioni eseguite generalmente dal notaio di riferimento, è comunque necessario e plausibile per una maggiore consapevolezza economica delle spese che sopraggiungeranno, che anche l’acquirente ne venga a perfetta conoscenza. Tutte le informazioni a riguardo possono facilmente essere trovate sul sito dell’agenzia delle entrate.

Esistono tecniche specifiche stabilite dalla legge per, in particolare, calcolare: le imposte di registro, ipotecaria e catastale. Entriamo nell’ambito del cosiddetto sistema di prezzo valore, che come già sopra accennato, permette di accedere a tutta una serie di agevolazioni fiscali, prima tra tutte la riduzione nel prezzo delle spese notarili, di circa il 30% generalmente.

Dove viene applicato di solito il sistema di prezzo valore? In particolar modo agli immobili e in particolar modo quando questi ultimi sono sottoposti a vendita e nei casi nei quali le pertinenze di questi ultimi non sono soggette a Iva. E’ previsto che colui che acquista debba essere sempre una persona fisica. Ed intervenga sempre in situazioni di esenzione d’Iva, in particolar modo quando subentrano privati. Il sistema di prezzo valore viene anche applicato in situazioni di: atti traslativi di diritti reali parziali e di godimento (come in casi di usufrutto o nuda proprietà); e ancora in casi di acquisti in asta pubblica o in loco di espropriazione forzata, a condizione che parliamo esclusivamente di immobili ad uso abitativo e pertinenze associate ad essi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *