Il mercato immobiliare italiano ha alcune particolarità che non si riscontrano in molti altri paesi occidentali. Infatti, mentre nel mondo anglosassone e più genericamente nordeuropeo l’abitazione, soprattutto nei contesti urbani, è solitamente presa in affitto, in Italia la tendenza che va per la maggiore rimane legata all’acquisto, quantomeno della prima casa.

Storicamente infatti, data l’origine rurale e operaia della società italiana, la possibilità di avere una casa di proprietà ha sempre rappresentato una certezza fondamentale per la stabilità e il benessere di lavoratori e famiglie. Questa tendenza, affiancata dal rapporto tra prezzi degli immobili e salari delle famiglie, ha comportato – naturalmente – l’affermarsi di un florido mercato finanziario attorno alla fornitura di finanziamenti erogati appositamente per rateizzare il pagamento di una casa.

Stiamo parlando del famigerato mutuo, un finanziamento pensato appositamente per gli acquirenti di un immobile, con il quale la gran parte dei cittadini italiani si è trovato ad avere a che fare almeno una volta nella vita.

Garanzie mutuo per la casa

Un mutuo è appunto una specifica tipologia di finanziamento, con il quale gli istituti bancari sostengono il mercato immobiliare, prestando ai potenziali acquirenti il denaro necessario a pagare il costo, solitamente piuttosto alto e difficilmente sostenibile, dell’acquisto di un’abitazione.

La rateizzazione del pagamento del prezzo dell’immobile riguarda solitamente fino all’ottanta percento del costo totale del bene, perciò riguarda cifre di una certa importanza, a tutela delle quali le banche che erogano i mutui pretendono garanzie chiare e sicure.

Nonostante vi siano alcune tipologie di mutui non garantiti, per i quali la promessa di solvibilità viene affidata alle sole firme tra i contraenti, nella maggior parte dei casi gli istituti che li erogano pretendono delle garanzie specifiche. La più comune consiste nell’ipoteca sull’immobile per il quale viene richiesto il mutuo.

Il valore materiale della casa sul mercato è direttamente utilizzato per coprire il mancato pagamento del mutuo nel caso in cui il richiedente non riesca a ripagare le rate con costanza. Un altro strumento molto comune posto a garanzia di un mutuo sulla casa è la fideiussione, ossia la garanzia posta da una terza persona, che accetta la responsabilità e l’onere di ripagare di tasca propria il mutuo nel caso in cui il contraente si trovi a non poter onorare l’accordo.

Come ottenere un finanziamento

Le modalità e i requisiti necessari per ottenere un mutuo in banca sono vari e spesso differenti da un istituto all’altro. Alcune richieste sono però comuni a ogni situazione, in particolare per quanto riguarda caratteristiche che rassicurino circa la possibilità futura, in capo al richiedente, di ripagare l’intero prestito.

Per ottenere un muto saranno innanzitutto necessari tutti i documenti riguardanti l’identità e la condizione economica del richiedente, inclusi un contratto di lavoro stabile, una busta paga che dimostri delle entrate costanti, lo stato di famiglia e tutta la documentazione fiscale relativa all’immobile acquistato.

Una volta eseguiti tutti gli accertamenti, la banca formula una delibera di finanziamento che attesta il valore del mutuo, stabilisce un contratto di ipoteca sull’immobile e prepara un contratto da proporre al proprio cliente.

Se le condizioni del contratto soddisfano l’acquirente, si procede con la firma ufficiale e con la successiva erogazione del prestito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *