In campo finanziario, e in quello dei prestiti in particolare, si sente spesso parlare di saldo e stralcio. Soprattutto negli ultimi anni, contrassegnati da un certo disagio economico, questa espressione apparentemente tecnica ha assunto sempre più un significato di uso comune. Ma di cosa si tratta esattamente?

Saldo e stralcio

Il saldo e stralcio è un tipo di accordo basato su una transizione che può avvenire tra banche, società finanziarie o istituti di credito e privati. Questa transizione prevede che il debitore, il quale si trova nella condizione di non poter procedere con il pagamento della somma dovuta, si renda disponibile per l’estinzione del debito in cambio di uno sconto sull’importo dovuto.

Il saldo e stralcio rappresenta, in pratica, un vantaggio non solo per il debitore ma anche per il creditore che ha la garanzia di non incorrere in azioni giudiziarie che non potranno mai essere immediate come questo accordo. Nonostante questo privilegio, le banche o gli istituti di credito godono di piena libertà nell’accettare o respingere una simile proposta, ricorrendo a un mezzo diverso costituito dal recupero crediti.

Ne consegue, quindi, che con il saldo e stralcio il debitore deve disporre di una determinata somma di denaro che si rende subito disponibile al creditore. Gli accordi di saldo e stralcio non seguono regole ben precise da rispettare e le modalità operative dipendono molto dai diversi casi di specie in cui si verifica l’impossibilità di pagamento del debito.

Per tale ragione, è necessario affidarsi a esperti in diritto finanziario e bancario in grado di seguire ogni singolo passo di questo iter molto delicato. Sebbene possa sembrare molto semplice, il saldo e stralcio richiede particolare attenzione nella preparazione delle singole fasi, a partire dalla richiesta.

Tra privati

Alessandro Bergami si occupa, tra l’altro, anche di saldo e stralcio tra privati. A differenza di quanto esposto nel precedente paragrafo, il saldo e stralcio è una transazione che può avvenire anche tra soli privati, senza la presenza di banche o società finanziarie.

Un esempio comune di saldo e stralcio tra privati riguarda il pagamento di una fattura da parte di un cliente verso il professionista. Trattandosi di un accordo atto a modificare le clausole contrattuali precedentemente sottoscritte, il saldo e stralcio deve essere proposto per iscritto al fine di non creare possibili peggioramenti della situazione finanziaria del debitore e del creditore e per questo si ritiene opportuna la presenza di un consulente finanziario che sappia muoversi in un contesto così delicato.

Lo studio Alessandro Bergami è specializzato proprio in questa transazione tra banche e privati che vede, al contrario di tante altre figure professionali, l’affiancamento costante e continuo del cliente, affinché sia consapevole dei meccanismi delle banche e delle azioni mirate per quei determinati aspetti presi in esame

Categorie: Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *