Il lavoro di ogni società è finalizzato a massimizzare il valore d’impresa. Per riuscirci ogni impresa deve curare ogni aspetto del proprio business.

Analizziamo ora cosa intendiamo quando parliamo di valore d’impresa e quali sono le modalità in cui è possibile crearla.

Valore d’impresa definizione

Per valore d’impresa intendiamo il prezzo che detiene sul mercato l’impresa stessa. In altre parole il prezzo che gli acquirenti sarebbero intenzionati a pagare per rilevare la società senza debiti. Come si calcola il valore d’impresa? Quest’ ultimo dovrà essere uguale al valore di mercato del capitale di debito e capitale proprio. Tutto ciò presuppone che il profitto totale dell’impresa dovrà essere diviso tra i tanti portatori di valori di quella determinata impresa.

Per parlare d’impresa abbiamo bisogno di un oggetto adibito a produzione o scambio di beni e servizi, e da organizzazione e strategie produttive. Chiaramente occorrono strategie economiche che mirino a mantenere i costi inferiori ai ricavi. Impresa è di fatto un sistema, ovvero una rete di interdipendenze. Fanno parte di questa rete sia le persone che i beni, che tra di loro interagiscono per raggiungere obiettivi comuni.

Come creare valore d’impresa

Un’impresa ha come primo obiettivo quello di creare valore, almeno secondo la definizione che ci fornisce il codice civile. Il tutto è finalizzato ad attrarre rapporti interni ed esterni che siano di alto livello, che a loro volta permettano di competere sul mercato, dando la massima soddisfazione a tutti gli investitori.

In che modo è possibile creare valore? Esiste un approccio comune a tutte le imprese basato sulla creazione di una catena di valore impresa per impresa. Ogni società, secondo tale approccio, si concentrerà esclusivamente sul proprio segmento di mercato, dando la massima attenzione agli output e agli input. Per output intendiamo cosa si vuole vendere, per input invece cosa si vuole acquistare.

L’obiettivo è quello di accrescere il costo della società, quindi sia gli input che gli output vengono studiati in tal senso. In quest’ottica grande importanza ricopre anche il reenginering, ovvero il segmento di mercato al quale fa riferimento l’impresa, che ci permette di giungere al giusto core business e quindi di aggiungere ulteriormente valore.

In sintesi, gli elementi che ci consentono di creare valore sono:

  • Il business process reengineering. Lo studio di tutti i processi dell’impresa in rapporto al segmento di mercato al quale facciamo riferimento.
  • Capire quali attività non ci permettono di raggiungere un buon livello di competitività. Si tratta del cosiddetto outsourcing o esternalizzazione.
  • Comprendere i punti forza: gli elementi che accrescono la competitività dell’impresa.
  • Studiare delle strategie di marketing profilate.

Importantissimo è anche curare sempre i rapporti sia con i fornitori che con i clienti.

Tali strategie conducono principalmente a creare catene che siano forti, grazie a rapporti di partnership con fornitori e clienti ben selezionati. Una catena forte è garanzia di creazione di valore.

Ma per creare una catena forte è necessario migliorare e ottimizzare ogni anello della catena. Si tratta di un approccio integrato, nel quale si pone la massima attenzione e cura a ciascuna impresa che partecipa allo stesso business.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *