Il fido bancario è un’operazione bancaria molto diffusa in Italia e che presenta diverse sfaccettature a seconda delle esigenze del richiedente.

Fido bancario cosa è

Per fido bancario intendiamo la scelta da parte di una banca di mettere a disposizione di un richiedente un determinato fondo.

A beneficiarne può essere un privato o come nella maggioranza dei casi ne usufruisce una azienda.

Ma quali sono i parametri che considera la banca? Si tratta di variabili sia di carattere reddituale che patrimoniale, ai quali si perviene non prima di una lunga istruttoria. In sostanza la banca deve stabilire se il richiedente sarà in grado di restituire il credito.

Fido bancario classificazione

La classificazione del fido bancario si articola in diversi snodi e categorie che assumono un valore ben preciso.

Rientrano nella categoria dei fidi di cassa i classici conto correnti, considerati gli affidamenti più utilizzati. L’istituto di credito mette a disposizione un fondo che il cliente in ogni momento e a sua discrezione può utilizzare.

La smobilitazione dei crediti da parte del richiedente rientra invece nella categoria del cosiddetto castelletto bancario. In questa categoria abbiamo poi due ulteriori sottocategorie:

  • Le ricevute bancarie o cambiali. Le quali rappresentano gli effetti di crediti ovvero i fidi portafoglio.
  • Anticipo fatture suddivise a loro volta in anticipo fatture con cessione e senza cessione del credito

Quando invece si fa riferimento alla fideiussione bancaria,  l’istituto di credito si fa garante per conto del richiedente a favore di terzi. Le fideiussioni a loro volta si suddividono in fideiussioni del fare e del dare. In queste ultime viene garantito il capitale esposto come valore facciale di incasso. Nelle fideiussioni del fare, per l’appunto, vengono garantiti lavori e prestazioni, anche finanziamenti, ma che siano comunque finalizzati a questi ultimi.

Il fido bancario ha inoltre valore all’estero, nel momento in cui vengono analizzate tutte le linee di credito che permettono ad una qualsiasi azienda di operare al di fuori dei propri confini nazionali. Esempi di fidi estero sono: finanziamenti all’importazione, anticipi di fatture all’esportazione, le lettere di credito.

Esistono inoltre i fidi per privati, atti a sostenere le azioni dei derivati come ad esempio i futures. E’ una linea di credito che sta, in tempi moderni, prendendo particolarmente piede.

Infine, abbiamo i classici finanziamenti. In pratica vengono stanziati dei fondi in un arco di tempo non definito, il rimborso di tali finanziamenti avviene poi attraverso delle strategie di ammortamento che variano da richiedente a richiedente. Esempi di finanziamenti sono i mutui, questi ultimi sono anche i più diffusi.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *