Quando si tratta di prendere decisioni all’interno di un’impresa non si può fare a meno di fare affidamento su principi e competenze che fanno parte dell’ambito della finanza aziendale.

Analizziamo dunque cosa intendiamo per finanza aziendale e quali sono gli ambiti che questa disciplina approfondisce per consentirci di giungere ad operare decisioni mirate ed ottimali per la nostra impresa.

Finanza aziendale definizione

La finanza aziendale è una disciplina, il cui scopo è individuare le decisioni più opportune da prendere in ambito aziendale da parte di una società. Oltre alle decisioni studia anche quali sono gli strumenti e le tecniche più idonee in relazione a queste ultime.

I due principi basilari della finanza aziendale sono: analisi delle fonti disponibili in un’azienda e gli impieghi di quest’ultime. Per far sì che la gestione in termini di costi benefici sia efficiente è necessario che questi due aspetti si trovino in equilibrio tra di loro.

Infatti, l’obiettivo di questa disciplina è proprio migliorare il rendimento del capitale, abbassando i costi e riducendo i rischi finanziari.

Per raggiungere tali obiettivi, fondamentale è lo studio del mercato e delle sue tendenze, solo così si può migliorare il VAN ( valore attuale netto ) dell’azienda. Che si andrà ad aggiungere al precedente valore aziendale.

Sarà necessario che la struttura finanziaria risulti equilibrata, mantenendo il giusto livello di equity. Una siffatta struttura permetterà di reperire il massimo profitto tramite il beneficio fiscale del debito, che, ricordiamolo, non è soggetto ad alcun peso fiscale. Altrettanto importante sarà fare attenzione al rischio di insolvenza che è sempre proporzionato alla capacità dell’azienda di far fronte alle scadenze. Quanto minore sarà il rischio di insolvenza, tanto più basso sarà anche il rischio di credito

 

Differenza con finanza d’ impresa

Finanza d’impresa e finanza aziendale sono di fatto sinonimi. Non sussistono differenze tra i due ambiti, sono modi diversi per esprimere e parlare della stessa disciplina. In inglese, un unico termine indica entrambe le espressioni: corporate finance.

In che modo si selezionano i progetti di investimento in finanza aziendale? Il processo prende il nome di “capital budgeting”. E si basa su tre aspetti fondamentali:

  • massimizzare il valore dell’impresa
  • dare massima rilevanza al progetto e ai flussi monetari che crea
  • la positività di un progetto si basa sui flussi di cassa portati da quel progetto creato dall’impresa

I criteri di valutazione di un progetto in finanza aziendale sono diversi: VAN, TIR, tempo di reupero, ecc… Ma in ognuno di questi sistemi si valutano tre aspetti:

  • I flussi di cassa addizionali
  • Il profitto in rapporto alla percentuale di rischio che richiede l’investimento
  • Le variabili esterne non calcolate ma che possono subentrare, e che possono far rivalutare l’investimento effettuato.

La finanza aziendale considera non solo le possibilità all’interno di un progetto, ma anche quelle che possono emergere esternamente ad esso: infatti esistono modelli di calcolo di possibilità reali che vengono prese in considerazione per ampliare lo spettro decisionale.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *