La leva operativa è un indicatore molto utile nell’analisi dell’andamento economico di un’impresa. Questa misura è determinata dalla relazione che si stabilisce tra i costi fissi e i costi variabili dell’azienda, e può avere un valore numerico più o meno elevato. Si parla di alta leva operativa quando i costi fissi sono elevati mentre quelli variabili si attestano su livelli minimi. Mentre si parla di bassa leva operativa quando i costi fissi sono contenuti e i costi variabili sono invece preponderanti. Ma cerchiamo di approfondire la definizione di questo essenziale concetto di gestione aziendale.

Che cosa è la leva operativa

Per definizione, la leva operativa è data dal rapporto tra il reddito generato dall’impresa e il valore complessivo dei ricavi di produzione dell’azienda stessa. Un’analisi di questo valore acquista particolare significato quando è necessario valutare i livelli di rischio legati a uno specifico investimento o a un certo settore produttivo dell’impresa.

Con l’aumentare delle vendite, e quindi dei ricavi, un’azienda rende maggiori profitti. Questo vale nel caso in cui l’azienda in questione abbia un’elevata leva operativa, ossia la struttura dei suoi costi dipenda per la maggior parte da costi fissi, e quindi all’aumento dei ricavi non vi sia un proporzionale aumento delle spese di gestione. Nel caso contrario, e quindi con un basso valore di leva operativa, un improvviso e incontrollato aumento delle vendite sarà invece accompagnato da un altrettanto importante aumento dei costi variabili, principale voce di spesa per l’impresa in questione. In questo caso i profitti non aumenteranno in particolar modo all’incremento delle vendite.

Più alto sarà il grado di leva operativa di un’azienda, più ingenti saranno i potenziali danni causati da un errore nella gestione del rischio, e in particolar modo riguardo alle previsioni di vendita future.

Pur apparentemente marginale che sia, una valutazione sbagliata può causare un considerevole effetto a catena, che attraverso graduali e costanti incrementi nei livelli dei costi variabili, finisce per portare a una perdita economica rischiosa per la tenuta dell’azienda, in particolar modo in termini di liquidità.

Come funziona la leva operativa

Il grado di leva operativa di un’impresa è una formula che misura e rende comparabili le sensibilità dei profitti alle variazioni dei ricavi complessivi, e quindi ai volumi di vendita, anche in mercati molto diversi tra loro. Indica quindi quanto un incremento dei ricavi possa avere effetti imprevisti sui margini di profitto dell’impresa. In una realtà dalla bassa leva operativa, una variazione nelle quantità di prodotti venduti, ha un effetto più contenuto e calibrato sul profitto dell’impresa, dato che gran parte dei costi variano proporzionalmente alle vendite.

Per effettuare questo calcolo è sufficiente rapportare la variazione nella percentuale di ricavo complessivo al valore percentuale della fluttuazione del volume di vendite totali. La risultate sarà il grado di leva operativa di un’azienda. In una dimensione più esterna rispetto a quella di gestione aziendale, la comparazione tra le varie leve operative di altrettante realtà aziendali sul mercato permette di effettuare valutazioni consapevoli e che tengano conto delle differenti strutture dei costi aziendali.

Categorie: Finanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *