La ricerca di un finanziamento può essere un’attività estremamente frustrante, in particolar modo se viene improvvisata da una persona con scarsa esperienza del mondo della finanza. Per sostenere questo tipo di operazioni, così come per assistere i risparmiatori in tutte le attività che possono riguardare la gestione dei loro investimenti, esiste una specifica figura professionale, ben preparata per incontrare ogni tipo di esigenza: il consulente finanziario.

Storia della professione

Nel passato un ruolo simile a quello dei consulenti finanziari veniva ricoperto dai promotori finanziari e dai private banker, ossia dipendenti di istituti bancari o società di investimento, delegati col ruolo di curare le relazioni con i clienti per conto della società di cui sono parte. In questo caso gli operatori dipendono non tanto dagli interessi dei risparmiatori che assistono, quanto a quelli dell’azienda per cui lavorano, per la quale sono tenuti a vendere alcuni prodotti invece di altri.

Ma andiamo ad approfondire le caratteristiche principali di questa particolare figura professionale.

Caratteristiche consulente finanziario

Il consulente finanziario indipendente si fregia di questo aggettivo in quanto non lavora come dipendente all’interno di una società più strutturata. Per questo motivo una delle sue caratteristiche principali è l’autonomia dall’influenza di interessi altrui quando si tratta di dare assistenza a un investitore.

Un consulente finanziario non cercherà di vendere al miglior offerente un’obbligazione o un titolo azionario perché così indicatogli dal proprio istituto di credito di riferimento.

I consulenti finanziari sono a tutti gli effetti dei liberi professionisti, appartenenti ad uno specifico albo professionale che si fa garante della competenza e della correttezza dei suoi iscritti.

Altra peculiarità del consulente finanziario, rispetto alle varie figure di private banker, è la forma del suo pagamento. Il consulente finanziario è definito in inglese “fee-only”, ossia pagato a parcella, ciò per sottolineare di come il suo compenso sia fissato in anticipo, e quindi non legato a percentuali sui ricavi né a clausole contrattuali. Solitamente questo si traduce in un maggior risparmio per il cliente, che non è tenuto a dividere i ricavi dei propri investimenti con il proprio consulente.

Esperienza

Tra tutte le caratteristiche che rendono un consulente finanziario autonomo una figura essenziale per la ricerca di un finanziamento vantaggioso, quella che più di ogni altra fa davvero la differenza è soltanto una: l’esperienza. Un consulente finanziario, regolarmente iscritto all’albo professionale di riferimento, durante la sua carriera si è dovuto confrontare con un’infinità di situazioni diverse, alla ricerca di altrettante soluzioni differenti. Un consulente finanziario indipendente, fuori dai grandi gruppi bancari, ha sempre svolto il suo lavoro contando esclusivamente sulle proprie abilità e competenze, avendo come unico obiettivo il miglior interesse per il suo cliente.

Insomma, se avete deciso di investire i vostri risparmi, o se invece avete bisogno di richiedere un finanziamento per dare forma ai vostri sogni imprenditoriali, la soluzione che fa per voi è molto semplice: affidatevi alla professionalità e all’esperienza di un consulente finanziario di vostra fiducia. In questo modo potrete essere certi che le vostre scelte saranno efficaci e il vostro interesse tutelato al meglio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *