Il Business Plan è il documento fondamentale della programmazione economica di un’azienda. Senza un’accurata programmazione economica e finanziaria nessuna impresa può sperare di avere un buon successo nel corso del tempo. Allo stesso modo, senza un efficace piano della liquidità non sarà possibile avere un business plan realmente utile nella definizione degli obiettivi economici dell’impresa e delle modalità pensate per raggiungerli. In questo documento infatti si inseriscono tutti i dati relativi alle previsioni di andamento dell’impresa, così come le spese previste, le proiezioni dei ricavi, i tempi di ammortamento degli investimenti, e cos’ via. Il piano della liquidità, più nello specifico, serve a tenere ben presente l’andamento finanziario della compagnia, seguendone le spese vive e i capitali utilizzati per sostenerle.

Piano della liquidità cosa è

Considerato nella sua essenzialità, il piano della liquidità non è altro che quel documento che permette a investitori e manager di conoscere le capacità finanziarie di un’impresa, documento essenziale per sapere in ogni momento quanto una realtà economica abbia la disponibilità di fondi immediatamente monetizzabili per restituire eventuali finanziamenti chiesti in prestito o per riuscire a pagare i costi di gestione della società nel medio e lungo periodo. La struttura del piano della liquidità richiede un aggiornamento continuo e meticoloso, di modo da rendere sempre possibile una previsione circa la capacità di solvibilità dell’impresa stessa. La buona redazione del piano della liquidità garantisce gli investitori circa la solidità e la salute finanziaria dell’azienda, permettendo così il mantenimento della fiducia nelle sue capacità di superare gli ostacoli e di continuare a crescere nel corso del tempo.

Nel piano della liquidità vengono solitamente inserite tutte le spese vive, i costi di ammortamento, i ricavi periodici e le prospettive di crescita. Inoltre una pianificazione esaustiva permette di tenere conto delle garanzie patrimoniali su cui un’impresa ha la possibilità di fare affidamento nei momenti di crisi per rassicurare gli investitori.

Piano della liquidità e start up

Nel caso delle start up, ossia di quelle aziende appena nate e a forte tasso di innovazione, il piano della liquidità è un elemento ancora più importante per la salute dell’impresa. Nella gestione di un’azienda di piccole dimensioni, dagli scarsi ricavi nel breve periodo e dalle alte spese di mantenimento, come di solito sono le start up, la pianificazione finanziaria riveste un ruolo ancora maggiore per la durata nel tempo e per la creazione di una buona base di fiducia. Troppo spesso, infatti, un’idea di successo non riesce a dotarsi di fondamenta solide e affidabili per riuscire a durare il tempo sufficiente per rientrare degli investimenti. Nella gran parte dei casi è la mancata pianificazione della disponibilità di liquidità a causare il fallimento preventivo di un’impresa che pur aveva ottime prospettive di crescita.

Per ovviare alle difficoltà finanziarie di imprese basate sulla ricerca e sullo sviluppo di soluzioni innovative, esistono diversi strumenti creditizi pensati appositamente per garantire una base finanziaria adeguata al superamento delle prime fasi produttive e per creare una nicchia di mercato sufficientemente larga per garantire la sopravvivenza della start up.

Vuoi saperne di più? Rivolgiti ad Alessandro Bergami, il professionista che ti non ti deluderà.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *