Il microcredito è uno strumento economico utile allo sviluppo delle fasce di popolazione meno abbienti. Attraverso la concessione di microcredito viene data a molte persone la possibilità di avviare una piccola impresa, che non sarebbe nata diversamente. Queste concessioni di piccolo importo vengono concesse anche solamente per far fronte a delle emergenze o a delle spese straordinarie di una certa ingenza.

Fondo di finanziamento cosa è

Il fondo di finanziamento è un ammontare di un certo valore messo a garanzia di un’operazione, in modo tale da andare in soccorso ad alcuni soggetti che ne fanno richiesta. Per esempio, prendiamo il caso di coloro che, facendo domanda per l’accesso ad un finanziamento, gli viene richiesta una garanzia, che può essere una fideiussione, un’ipoteca, o un qualsiasi tipo di assicurazione che la banca può richiedere a fronte della concessione di un prestito.

Nel caso però in cui il soggetto che fa domanda di finanziamento non sia in possesso di tali garanzie, egli si troverà con una risposta negativa alla domanda di finanziamento: se il soggetto rientra all’interno di determinati parametri e possiede certe caratteristiche, ha la possibilità di accedere al fondo di finanziamento, che fa da garante per questi soggetti nei confronti dell’ente che eroga il prestito.

Fondi per microcredito

Il Ministero dello Sviluppo Economico, ha stabilito la concessione di una garanzia sulle concessioni di microcredito, con lo scopo di incentivare e sostenere l’avvio e la continuità di piccole realtà imprenditoriali, favorendo l’accesso alle fonti finanziarie.

Il Ministero stanzia trenta milioni di euro all’anno da destinare al fondo di finanziamento per il microcredito. Fortunatamente non è l’unica entrata del fondo, al quale vanno aggiunti tutti i versamenti operati da associazioni, enti, singoli cittadini e chiunque voglia favorire questo strumento di sviluppo economico. All’interno di questo fondo sono entrati a farne parte in maniera sostanziosa anche i tanto discussi rimborsi restituiti dai parlamentari grillini (metà dello stipendio).

Come ottenere

Va precisato però che non è questo fondo di finanziamento pubblico a erogare direttamente il microcredito, ma suddetto fondo interviene solo su richiesta della banca al quale è stata effettuata la domanda da parte dell’imprenditore. La banca seguirà la sua normale istruttoria, mentre la garanzia del fondo partirà solo se si riscontrano i requisiti richiesti. Tuttavia i dati dimostrano che la maggior parte delle volte il prestito viene restituito e il numero dei fallimenti è tutto sommato trascurabile, sia dal punto di vista della banca, che dal punto di vista del fondo di garanzia.

Le caratteristiche che un soggetto deve possedere per diventare beneficiario del fondo di garanzia sono diverse. Innanzitutto possono accedervi solo le imprese già costituite, o i professionisti in possesso di partita IVA: per entrambe le categorie non deve essere trascorso un lasso di tempo superiore ai cinque anni dalla nascita dell’attività.

Infine il fondo è finalizzato all’acquisto di beni e servizi strettamente connessi all’attività svolta, al pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti di fresca assunzione o di soci lavoratori, oppure per il sostentamento dei costi per i corsi di formazione.

Vuoi avere più informazioni o ricevere un preventivo? Rivolgiti ad Alessandro Bergami, professionista del settore che non ti deluderà!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *