Il consulente immobiliare è la figura chiave che si inserisce in questo trend di investimento per guidare gli acquirenti, grazie alla sua ampia conoscenza del mercato, verso affari proficui. L’investimento immobiliare è da sempre nel nostro paese uno dei mercati preferiti dai risparmiatori più abbienti.

La crisi nata negli U.S.A. circa dieci anni fa, proprio nel mercato immobiliare, ha portato a diverse e intense evoluzioni e modifiche sia dal lato della domanda che dell’offerta di immobili.

L’Agente immobiliare, prima della crisi, era la sola e unica figura di riferimento per l’intermediazione fra acquirenti e venditori di immobili. Dopo la crisi economica, è cresciuta la necessità di una figura con più autonomia, al quale affidarsi maggiormente per l’accompagnamento e il supporto in una contrattazione, o per una consulenza su un nuovo affare: il consulente immobiliare.

Chi è il consulente immobiliare

Il consulente immobiliare è un libero professionista che opera laddove un cliente necessita di una figura professionale al quale affidarsi per compiere una compravendita o un investimento nel mercato immobiliare.

La nascita di questa figura è piuttosto controversa tuttavia è largamente sostenuto che la figura del consulente immobiliare sia un’evoluzione di quella dell’agente immobiliare. Infatti il consulente ha maggiori vantaggi dal punto di vista fiscale, non deve essere iscritto a nessun albo e risulta ancora essere una figura professionale atipica poiché non è tuttora legiferata.

Di cosa si occupa

Il consulente immobiliare ha ampliato i settori di attività dell’agente o del mediatore. Mentre l’agente immobiliare ha il dovere di far incontrare domanda e offerta sul mercato, e impegnarsi per portare a termine le contrattazioni tra le parti, il consulente immobiliare (in linea teorica) ha ampliato i propri confini, approfondendo ulteriori competenze professionali che vanno oltre la messa in contatto delle parti e la pura attività di mediatore immobiliare.

La figura del consulente immobiliare può essere utile in molteplici occasioni, e rispondere a diverse esigenze del cliente:

  • Assistenza nel contratto di compravendita di un immobile;
    • dove può operare tramite un lavoro di stima del bene in oggetto;
    • Suggerimento del corretto canale di vendita;
    • Supporto nella fase burocratica;
  • Suggerimenti su nuove opportunità di investimento immobiliare;
  • Molti consulenti immobiliari oggi vengono incontro al cliente per consigli e suggerimenti su come investire nel mercato delle opere d’arte: questi ultimi spesso sono i consulenti immobiliari esercenti presso le banche;
  • Valorizzazione del patrimonio tramite nuove forme di investimento create su misura del cliente;
  • Consulenza strategica per operazioni immobiliari:
    • Studio di fattibilità e business plan: pianificazione dell’investimento da compiere su misura dello storico e della previsione, nonché sulla disponibilità del cliente stesso;
    • Assistenza legale e fiscale
    • Individuazione di altre, se opportune, figure specialistiche: periti, valutatori…
  • Investimento in fondi immobiliari:
    • Il consulente analizza la situazione patrimoniale con il solo obiettivo di perseguire gli interessi e la piena soddisfazione del suo cliente, valutando e scegliendo lo strumento finanziario più adatto;
    • Coordina i rapporti con le società di gestione del risparmio;

L’attività maggiore ancora oggi è quella di consulenza sulla compravendita di un immobile: il consulente riceverà un onorario per la consulenza svolta come libero professionista, non come mediatore dell’accordo fra le parti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *